Il Ministero di giustizia del Brasile ha stoppato le vendite nel paese di iPhone, a causa della mancanza del caricabatterie da muro all’interno della confezione, dopo aver multato l’azienda di Cupertino per 2,3 milioni di dollari. La decisione segue una class action dell’associazione consumatori del Brasile, che nel 2021 ha citato Apple per aver smesso di fornire il caricabatterie nella confezione degli iPhone. Ai tempi Apple disse che la sua scelta aveva a che fare con l’ambiente e i minori imballaggi che sarebbero stati necessari per confezioni più piccole, aggiungendo che ormai tutti hanno in casa un caricabatterie per smartphone. L’azienda vende comunque il proprio caricatore veloce per iPhone, e nella confezione include solamente un cavo da Lightning a USB-C. I consumatori brasiliani sono però convinti che Apple stia vendendo un prodotto incompleto e si rifiuta di sentire le ragioni dei clienti. Il regolatore delle comunicazioni locale, Anatel, ha ordinato nel frattempo la revoca delle registrazioni di nuovi modelli di iPhone nel paese a partire da iPhone 12, il primo ad essere venduto senza l’accessorio per la ricarica da muro. Al momento iPhone 14 e 14 Pro sono ancora in vendita sul sito locale di Apple, in attesa che la decisione del governo includa anche le vendite online o che l’azienda corra ai ripari.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *