La maggior parte dei test sul coronavirus negli Stati Uniti è “uno spreco” perché si impiega troppo tempo a ad avere i risultati. Così Bill Gates in una intervista rilasciata alla Cnbc, contraddicendo quanto sostenuto dal presidente Donald Trump che ha propagandato l’aumento della capacità dei test come un elemento fondamentale della lotta alla pandemia. Il problema però sarebbe nella difficoltà dei laboratori di analizzare i campioni, al punto da far arrivare i risultati talmente in ritardo da rendere i test stessi sostanzialmente inutili soprattutto nell’individuare i nuovi focolai.


“La cosa più semplice”, ha proseguito Gates, “sarebbe non accettare di rimborsare le spese per quei test che impiegano più di 48 ore avere il risultato”. Aggiungendo poi: “Quei test sono uno spreco completo. E per tutti questi numeri su quanto testiamo, la maggior parte è solo uno spreco completo”.

I laboratori in tutta la nazione sono in ritardo nell’elaborazione e nella fornitura dei risultati mentre un’ondata di casi di coronavirus sta mettendo a dura prova l’intero sistema sanitario. Il tempo di consegna per i test Covid-19 può richiedere da alcuni giorni a una settimana o più per molti pazienti. Almeno stando a due delle più grandi aziende di diagnostica americane.

Fonte