“Per chiunque arrivi in Italia da Paesi dove il Covid è ancora forte occorre fare qualcosa. Servono, come tutela sanitaria, la quarantena e i tamponi. Perché quello dei focolai legati a chi rientra in Italia non sarà solo un problema di oggi, ma si ripresenterà più avanti. Su queste persone va posta assoluta attenzione perché, se non controllate e positive, possono riaccendere un problema epidemico”. Lo sottolinea all’Adnkronos Salute Matteo Bassetti, direttore della Clinica Malattie Infettive dell’ospedale San Martino (Genova) e presidente della Società italiana di terapia antinfettiva (Sita). Questi focolai “non devono preoccuparci e non stiamo assistendo ad una seconda ondata di casi gravi”, precisa.

Fonte