161555.t.W320.H200.M4

– BANCOMAT e FSI annunciano il completamento dell’investimento di FSI nel capitale di BANCOMAT e la nomina del nuovo amministratore delegato e del nuovo Consiglio di Amministrazione. A seguito dell’investimento, FSI rappresenta il primo azionista della Societa` con una partecipazione nel capitale del 42,9% e, unitamente alle banche sottoscrittrici del patto parasociale Intesa Sanpaolo, Iccrea Banca, Banco BPM e BPER, del 74,7%. Sono stati nominati il nuovo Consiglio di Amministrazione e il nuovo amministratore delegato e direttore generale della Societa`, Fabrizio Burlando.

Burlando nato nel 1974, ingegnere elettronico con MBA presso INSEAD e specializzazioni presso Yale e London School of Economics, vanta un’esperienza ventennale nel settore dei pagamenti digitali, maturata soprattutto negli ultimi 16 anni in Mastercard, dove ha ricoperto ruoli di crescente responsabilita` e leadership a livello globale, con focus su piattaforme dati, servizi a valore aggiunto VAS e supporto allo sviluppo di clienti banche e utenti di tutto il mondo. Burlando eredita il timone di BANCOMAT da Alessandro Zollo a cui va un sentito ringraziamento per il contributo fornito e il percorso intrapreso dal 2018.

Oltre a Burlando, quale AD, il nuovo Consiglio di Amministrazione della Societa` e` composto dal presidente Franco Dalla Sega, Roberto Amisano, Roberto Baggiano, Francesco Bernocchi, Gaetano Carboni, Giuliano Cassinadri, Giacomo D’Amico, Pietro Galbiati, Flavio Gianetti, Stefano Vittorio Kuhn, Marco Tugnolo e Luca Vanetti.

Il completamento dell’investimento di FSI e l’arrivo di Burlando ai vertici della Societa` rappresentano ulteriori passi chiave del percorso di sviluppo identificato per BANCOMAT, e seguono le avvenute sottoscrizioni: da parte di Intesa Sanpaolo, Iccrea Banca, Banco BPM, e BPER di accordi commerciali pluriennali funzionali a supportare lo sviluppo di BANCOMAT nei prossimi anni; dell’accordo tra BANCOMAT e Nexi come partner strategico per la piattaforma di Infrastruttura Centralizzata.

Il progetto rappresenta un’iniziativa italiana che, partendo dall’ampio riconoscimento di BANCOMAT tra esercenti, consumatori e banche, intende ampliare il perimetro d’azione del circuito, assicurandone una maggiore capacita` d’innovazione e di accelerazione sui tempi di adozione delle nuove soluzioni digitali, al pari dei circuiti di pagamento presenti nei principali paesi europei.

Il progetto consentira` di valorizzare una infrastruttura nazionale centrale per il mercato dei pagamenti digitali, e produrre diversi benefici, tra cui: l’utilizzo di un circuito di pagamento efficiente sicuro e domestico con contenuto tecnologico in linea con i migliori standard; il contenimento dei costi della monetica digitale, e la possibilita` di rappresentare una soluzione di qualita` e complementare agli operatori internazionali.

La disponibilita` di capitali a seguito dell’investimento di FSI e il nuovo assetto societario sono previsti consentire a BANCOMAT di intraprendere tale percorso di sviluppo e di valorizzare al meglio le proprie competenze, secondo le seguenti principali linee guida: accelerazione dell’innovazione, con rafforzamento dell’offerta prodotti e servizi, a partire da online e wallet; nuova architettura tecnologica, prevedendo, oltre all’Infrastruttura Centralizzata, un gateway di innovazione e partnership per lo sviluppo di nuovi servizi; servizi a valore aggiunto VAS per i clienti banche e gli utenti finali, anche in segmenti adiacenti e sinergici; M&A, con acquisizioni di aziende con competenze sinergiche e complementari a BANCOMAT e/o funzionali al percorso di crescita e completamento dell’offerta.

Nella logica di condivisione e partecipazione ai benefici apportati dal progetto, il patto parasociale sottoscritto da FSI, Intesa Sanpaolo, Iccrea Banca, Banco BPM e BPER potra` essere esteso anche ad altri soci / clienti attuali e futuri di BANCOMAT.

“Siamo molto soddisfatti di aver completato il percorso di rafforzamento patrimoniale e di governance di BANCOMAT. Crediamo fermamente che l’operazione rappresenti un passaggio fondamentale nella vita della Societa` e l’avvio di una nuova fase di sviluppo di una infrastruttura dei pagamenti strategica per il nostro Paese. A nome di tutti gli azionisti, vorrei ringraziare il dott. Alessandro Zollo per il lavoro svolto in questi anni e il prezioso contributo fornito negli ultimi mesi per il completamento di questo importantissimo progetto” ha affermato Dalla Sega.

“Ho accettato questa sfida perche´ credo fermamente nell’importanza di BANCOMAT per il nostro Paese e nel suo forte potenziale di crescita. Collaborando a stretto contatto con istituzioni finanziarie, esercenti e utenti, possiamo portare innovazione e valore aggiunto al sistema dei pagamenti in Italia e in Europa. Penso che BANCOMAT possa rappresentare un’eccellenza capace di attrarre i migliori talenti sul mercato, sia giovani che di esperienza” ha dichiarato Burlando.

“Questa operazione conferma la capacita` distintiva del team di FSI di completare operazioni di partnership e improntate sulla valorizzazione o lo sviluppo di realta` italiane di eccellenza con potenziale di crescita. L’investimento in BANCOMAT rafforza ulteriormente la leadership di FSI nel settore Digital e IT, in cui il team di FSI ha investito ad oggi ca. 1,2 miliardi di euro. Siamo molto orgogliosi dell’operazione e fiduciosi nel percorso di sviluppo e nella partnership con le banche azioniste di BANCOMAT” ha affermato l’amministratore delegato di FSI Maurizio Tamagnini.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *