Anche il settore dell’auto è in piena evoluzione tecnologica e sta vivendo un rapido passaggio dal tradizionale concetto di automobile a quello di smart car, ossia “auto intelligente”. Ma cosa significa questa espressione? E quali vantaggi avremo come guidatori e passeggeri dall’utilizzo di questi veicoli?

Che cosa significa “smart car”?
Le auto intelligenti sono già una realtà sulle nostre strade, con dati in crescita per quanto riguarda le vendite dei modelli più avanzati, che grazie a sistemi di interconnessione riescono a migliorare l’esperienza di guida e ad aumentare sicurezza e comfort. Il concetto di smart car può essere visto come un’ulteriore evoluzione della connected car, ossia appunto l’auto connessa, che nel 2019 già superava il 40% del totale delle auto circolanti in Italia, con dei livelli superiori di automazione in grado di offrire servizi ancora più efficienti all’utilizzatore.
Una smart car, in sostanza, utilizza i sistemi di connessione e comunicazione non soltanto per attivare il navigatore o per essere aggiornata sulle condizioni del traffico, ma anche per contattare un’officina in caso di guasto o per ridurre i consumi in base alle condizioni di viaggio. Non solo, i modelli più avanzati prevedono anche la possibilità di parcheggiare in maniera automatica o di attivare la guida autonoma, semplicemente impostando la destinazione desiderata.
I migliori servizi digitali a bordo dell’auto
Le tecnologie digitali sono diventate sempre più protagoniste nelle nostre automobili, portando a una vera e propria interconnessione tra apparecchi differenti. Anche le vetture più economiche oggi dispongono di sistemi in grado di collegare lo smartphone per poter telefonare in viva voce o di connettersi a internet per ricevere dati e informazioni interessanti e ciò ci fa già comprendere quanto il fenomeno sia presente intorno a noi.
Così come accaduto per altri dispositivi, come telefoni e televisori, internet e la digitalizzazione hanno favorito la diffusione di servizi di qualità nelle diverse fasce della popolazione, permettendo anche a chi utilizza apparecchi non di primo livello di accedere a piattaforme per lo svolgimento delle proprie attività preferite.
Un esempio significativo è quello delle piattaforme di gioco e, in particolare, nell’industria dell’iGaming, che hanno portato su PC e smartphone tutte le caratteristiche tipiche delle sale gioco più famose, favorendo numerose possibilità di intrattenimento da qualunque luogo.
Grazie ad ampi cataloghi e all’utilizzo di iniziative come i bonus di benvenuto descritti su VSO. l’industria dell’iGaming ha reso facilmente accessibili intrattenimenti di lunga tradizione come le slot machine e la roulette, e vari giochi, che oggi sono apprezzati da un numero sempre maggiore di utenti collegati attraverso portali e app mobili.
Il fenomeno dei giochi online rappresenta oggi una parte importante del vasto universo digitale, ma anche un esempio da seguire per molti altri settori che ne traggono ispirazione nell’adozione delle tecnologie più innovative: quello dell’automotive è uno di questi e la rapida diffusione delle smart car dimostra che il percorso intrapreso piace anche ai consumatori.
Cosa fa e quanto costa una smart car
Come detto, le smart car presentano un livello di innovazione tale da rendere automatizzati numerosi processi. È proprio questa caratteristica a rendere i veicoli “intelligenti”, ossia in grado di svolgere funzioni importanti senza l’intervento umano. Una smart car connessa a internet permette, già nelle sue funzioni più elementari, di accedere a dati e informazioni in tempo reale, ponendosi dunque anche come un importante strumento per migliorare l’esperienza complessiva del guidatore, ma non si limita a questo.
Con una smart car si hanno a disposizione, infatti, numerose altre funzioni legate per esempio al controllo a distanza di alcuni optional, come l’aria condizionata o i fari, o alla geolocalizzazione del veicolo tramite smartphone. Le auto intelligenti possono, inoltre, comunicare con officine e meccanici in caso di problemi a qualche componente, rilevare e prevenire incidenti, ma anche individuare punti di interesse per il guidatore, come ristoranti e hotel, parcheggiare e guidare in piena autonomia.
I prezzi delle smart car sono ovviamente molto variabili rispetto al tipo di vettura scelto e al livello di automazione raggiunto: le automobili con una guida autonoma di livello 5 (ossia di automazione totale come spiega Leaseplan), per esempio, al momento dell’immissione in commercio potrebbero raggiungere cifre anche molto elevate. Diverso è il discorso per automazioni più limitate, che possono essere trovate anche su modelli di fascia media in versione optional.
Se si desidera, invece, trasformare una normale auto in un’auto smart, è possibile sfruttare alcuni sistemi di intelligenza artificiale già presenti sul mercato, come Alexa di Amazon. La tecnologia Echo Auto si installa facilmente tramite bluetooth e, attraverso la connessione a un’app sul proprio smartphone, permette di controllare alcune funzioni del veicolo tramite comandi vocali: una soluzione rapida e a basso costo per provare, almeno parzialmente, l’ebbrezza di guidare una vettura di ultima generazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.