BERGAMO –  98 gol realizzati in 38 partite e in solo due di queste senza segnare una rete. Sono numeri impressionanti quelli dell’Atalanta di Gian Piero Gasperini che ha chiuso il campionato 2019/20 al terzo posto con una valanga di gol, davanti all’Inter (81 reti) e alla Lazio (79). Ma questo dato assolutamente eccezionale, contiene un record assoluto per la Serie A: per la prima volta nella storia, infatti, in una squadra nessuna marcatura è stata realizzata da calciatori italiani.

16 gol stranieri anche in Champions, solo Caldara può cambiare il trend

Il gol in casa bergamasca pertanto parla straniero. Si tratta di un dato da record che non si era mai verificato nella storia della Serie A. D’altronde la rosa atalantina è farcita di non italiani, se si escludono i portieri Gollini, Sportiello e Rossi che, per ovvie ragioni, non hanno molte chance di fare gol, per usare un eufemismo. C’è poi Mattia Caldara, tornato a casa nel gennaio scorso dopo le traumatiche esperienze alla Juventus e soprattutto al Milan. Da allora il difensore bergamasco ha collezionato 17 presenze a Bergamo, ma non è riuscito a segnare come gli capitava spesso e volentieri nelle altre stagioni giocate agli ordini di Gasperini. C’era poi Andrea Masiello, ceduto al Genoa a metà stagione, anche lui a secco nonostante gli schemi del tecnico di Grugliasco favoriscano spesso e volentieri gli inserimenti dei difensori in zona d’attacco, specialmente sui corner. Poche presenze e poche occasioni per i giovani italiani Bellanova, Da Riva e Piccoli che hanno collezionato solo pochi minuti in A. Il record curioso dei gol stranieri potrebbe continuare anche in Europa, dove finora è stato mantenuto lo stesso trend con 16 segnature, per un totale di 115 stagionali (contando anche la rete di Ilicic nell’unico turno di Coppa Italia disputato, perso contro la Fiorentina). Solo Caldara potrebbe interrompere il curioso record orobico, magari regalando una gioia a Gasperini e ai tifosi nerazzurri a cominciare dal quarto di finale di Champions contro il PSG, in programma mercoledì 12 agosto in Portogallo.

 



Fonte