Andrea Piscina, conduttore di Rtl 102.5, è stato arrestato: adescava minori online nascondendosi dietro un’identità femminile.

Le accuse per il conduttore radiofonico Andrea Piscina sono gravissime: stando a quanto riportato dal Corriere della Sera, il 25enne adescava bambini online spacciandosi per una ragazzina di nome Alessia. L’uomo questa mattina è stato arrestato e le accuse sono di produzione di materiale pedopornografico e violenza sessuale.

Andrea Piscina arrestato: i dettagli della vicenda

Secondo quando riportato dal Corriere della Sera, l’uomo adescava bambini dai 9 ai 14 anni online fingendosi una loro coetanea di nome Alessia. Promettendo ai minori di sbloccare la propria telecamera e mostrarsi nuda, li induceva a compiere atti di autoerotismo riprendendo il tutto.

Stando alle prime ricostruzioni, sembra che una delle giovanissime vittime sia stata adescata non sul web ma all’interno dello polisportiva frequentata da Piscina. La madre del bambino aveva sporto denuncia nell’estate del 2023.

Cosa è stato trovato nel cellulare di Piscina

Sui dispositivi elettronici di Piscina, ora sequestrati dagli inquirenti, sono state trovate oltre mille immagini e chat di contenuto pedopornografico e registrazioni di videochiamate con i minori. Secondo quanto emerge, la prima perquisizione nei confronti di Piscina sarebbe stata fatta un mese fa.

Il Corriere riporta che sullo smartphone dell’uomo: “Risultavano cancellate tutte le attività multimediali di chat e videochiamate sulle piattaforme Instagram e Omegle: senza però evidentemente sapere che durante le videochiamate il sistema operativo del suo modello di smartphone generasse «miniature» dell’anteprima dell’immagine reale, conservandole anche dopo che l’immagine reale fosse magari stata cancellata dall’utente“.



Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *