La notizia è stata comunicata proprio dalla conduttrice Maria De Filippi durante il daytime di ‘Amici’ del 10 aprile

Improvviso abbandono ad Amici 23 per un problema al ginocchio che costringe la ballerina a stare ferma tre settimane. Il maestro Raimondo Todaro le propone però una soluzione piuttosto sorprendente, che la ballerina accetta volentieri. Una ragazza potrebbe ballare al posto suo finché non tornerà nelle condizioni ottimali per affrontare la gara.

Amici, clamoroso abbandono per un infortunio

Intanto, la sfortuna ha colpito Gaia che attualmente è costretta a ritirarsi da Amici 23 a causa del grave infortunio. Durante le prove di una coreografia, la ballerina ha subito un trauma che la rende inabile a continuare a danzare.

La notizia è stata comunicata proprio dalla conduttrice Maria De Filippi durante il daytime del 10 aprile. La conduttrice, dispiaciuta per la situazione, ha spiegato a Gaia che, per la sua salute, è necessario uno stop di tre settimane, incompatibile con la partecipazione al programma. Importantissimo prendersi cura del proprio corpo per riprendere al meglio in futuro piuttosto che rischiare di danneggiare irrimediabilmente tutto per la fretta di tornare ad Amici.

Gaia, che è ovviamente rimasta sconvolta dalla notizia, è scoppiata in lacrime. Il suo sogno di Amici sembrava infrangersi. Tuttavia, la soluzione della produzione può darle la possibilità di rientrare in gara in futuro. Raimondo Todaro e Anna Pettinelli, infatti, hanno suggerito di far sostituire Gaia da un’altra ballerina per le tre settimane di stop. In questo modo, la squadra di Gaia, composta da Martina e Lil Jolie, non sarebbe svantaggiata.

Gaia, sorpresa e commossa dalla generosa proposta, ha accettato. Se la ballerina sostituta riuscirà a superare le sfide delle prossime settimane, Gaia potrà rientrare a pieno titolo nella competizione.

La speranza di rivedere Gaia danzare ad Amici 23 è quindi ancora viva. La sua tenacia e il suo talento le permetteranno di superare questo ostacolo e di tornare più forte di prima.





Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *