1710867016 lorenzo licitra foto gianluca sarago


Prende il testimone da Ted Neeley, con Anggun per Maddalena e Franke Hi-nrg per Erode, Feisal Bonciani è Giuda – Nella sequenza delle 39 frustate al Cristo le immagini di Gaza, dell’craina e di Navalny

Lorenzo Licitra in
Lorenzo Licitra in “Jesus Christ Superstar” in scena al teatro Sistina di Roma

Torna al teatro Sistina di Roma, per di più in pieno periodo pasquale dal 20 marzo al 7 aprile, il ‘Jesus Christ Superstar’ nella oramai storica versione firmata dal suo direttore artistico Massimo Romeo Piparo, a 30 anni di distanza dall’esordio del primo musical, in realtà una vera e propria opera-rock, nonché a mezzo secolo dal film, con un nuovo Gesù, interpretato da Lorenzo Licitra – artista siciliano visto di recente in tv al ‘Tale e Quale Show’ condotto da Carlo Conti su Rai1 e che da concorrente televisivo ha partecipato a ‘X Factor’ vincendo l’edizione del 2017 e relegando al secondo posto del podio un gruppo romano che dal trampolino del ‘Festival di Sanremo’ ha poi conquistato le platee mondiali del rock, ovvero i Maneskin – che raccoglie il testimone da Ted Neeley e che, tra l’altro, ha 33 anni ovvero l’esatta età in cui morì il Gesù Cristo storico.

Nuovi anche i panni della Maddalena, con la cantante indonesiana Anggun a indossarli, mentre il ruolo ‘sopra le righe’ di Erode resta affidato a Franke Hi-nrg e Feisal Bonciani si misura con quello di Giuda. L’orchestra, che suonerà dal vivo le musiche divenute oramai iconiche nella storia internazionale del musical, sarà diretta da Emanuele Friello e posizionata a vista sul palco girevole. L’opera rock di Andrew Lloyd Webber e Tim Rice, andata in scena ininterrottamente in Italia ad ogni stagione teatrale – escludendo il periodo forzato della pandemia da Covid – ha raccolto finora gli applausi di oltre due milioni e mezzo di spettatori, conquistando anche il prestigioso Musical World Award quale migliore produzione internazionale.

“Celebriamo un titolo che ha segnato il percorso della mia carriera artistica: la prima versione doveva durare pochi mesi e invece da trent’anni questo spettacolo va in giro per l’Italia e per il mondo – sottolinea Massimo Romeo Piparo nella duplice qualità di regista e direttore artistico del Sistina – Il cast è stato rinnovato, conservando l’alto livello espressivo degli artisti. E la scommessa, anche questa volta, mi pare sia stata ampiamente vinta come dimostrato dal successo registrato nella decina di repliche al Sistina Chapiteau di Milano, che ha anticipato l’esordio di domani a Roma. E’ un’opera che tratta laicamente una vicenda umana e spirituale, rispettandone i sentimenti religiosi, pur concludendosi con la morte e non con la resurrezione di Gesù”.

Integrata una delle scene più iconiche del musical, ovvero la sequenza delle 39 frustate inferte al Cristo, che a ritmo di musica si susseguono con altrettante fotografie delle tragedie moderne e contemporanee del secolo passato e di quello attuale, dalle immagini di Hiroshima a quelle delle guerre in Ucraina e a Gaza, passando per i volti di Gandhi e di Martin Luther King, di Falcone e Borsellino e di Navalny. “Non capita mai di poter replicare così a lungo un titolo, ogni volta sembra essere sempre l’ultima ma poi il miracolo si ripete – osserva Piparo -. Nuovamente si alza il sipario su ‘Jesus Christ Superstar’ rinnovando un rito che oramai rasenta il mito e anche il mistico…E’ quasi una eredità che si trasmette di generazione in generazione, tramandandola e tributandole sempre un grande successo”.

Per il nuovo Gesù, Lorenzo Licitra, “questa è davvero una bellissima avventura professionale; all’inizio tentennavo trattandosi dell’opera musical più famosa al mondo – confessa – ma poi ho deciso di accettare questa grande responsabilità, salendo a bordo, perché amo le sfide che richiedono coraggio”. Una formazione lirica, la sua, ma poi il pop e il rock, dalla sfida ai Maneskin di ‘X Factor’ al ruolo da protagonista in ‘Jesus Christ Superstar’, continuano a bussare alla sua porta di artista… “E’ vero – risponde Licitra alla domanda della AdnKronos – Provengo da studi classici dal punto di vista musicale e da un repertorio operistico; ma sono stato sempre attirato anche dalla musica pop e rock che però, per me, restano e devono restare due mondi musicalmente distinti e separati”.

Licitra raccoglie il testimone da Ted Neeley, protagonista sia del film che del musical. “Piparo è un genio visionario – premette – Rifare lo spettacolo per trent’anni non è stato affatto stancante per me, perché ogni volta che salgo sul palcoscenico è sempre una nuova esperienza”.

Per l’indonesiana Anggun chiamata a interpretare Maria Maddalena, è invece “la mia seconda esperienza in un musical, dopo l’esordio in Francia. E’ davvero bello condividere il successo e gli applausi con un gruppo, rispetto a quando invece mi esibisco da sola sul palco come cantante. Ogni sera lo spettacolo è diverso, si respira e ci si scambia un’energia vitale”.

Quanto al salire palcoscenico del Sistina, Franke Hi-nrg confessa: “Mi emoziona sempre, perché è il teatro dove mi sono formato, assistendo agli spettacoli con Gigi Proietti e Aldo Fabrizi, Nino Manfredi e Johnny Dorelli, Franca Valeri e Gino Bramieri. Mi sembrava una scatola dei sogni”.

(di Enzo Bonaiuto)


Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *