Al via la seconda edizione di “CIAO-Rassegna Lucio Dalla”, la kermesse che premia le nuove espressioni artistiche e culturali emergenti. Il 4 e 5 marzo prossimi, Bologna celebra la memoria del “suo” Lucio Dalla, con una serie di eventi dedicati alla capacità visionaria e innovativa del famosissimo ed eclettico cantautore.

Dopo il successo della prima edizione, torna “CIAO-Rassegna Lucio Dalla per le forme innovative di musica e creatività. L’evento dedicato alla memoria del celebre artista bolognese realizzato dalla Fondazione Lucio Dalla– con la collaborazione di iCompany e Pressing Line, Fondazione Policlinico Sant’Orsola, CIAO Discoteca Italiana e La Soffitta– nell’ambito del più vasto programma d’iniziative intitolato “Viaggi organizzati”.

Musica, innovazione e artisti emergenti nel panorama nazionale: il 4 e 5 marzo prossimi sono in programma una serie di eventi che vi permetteranno di conoscere più da vicino il pensiero del celebre cantautore originario di Bologna. Ma anche di scoprire e ascoltare dal vivo i vincitori dei prestigiosi premi in palio.

“CIAO-Rassegna”: il programma e i nomi dei vincitori già annunciati

Due giorni, due eventi diversi ma un unico obiettivo: celebrare la memoria di Lucio Dalla anche attraverso una delle peculiarità forse meno note dell’artista bolognese. Quella, cioè, di dare voce alle potenzialità degli artisti emergenti.

La seconda edizione della rassegna, dunque, si aprirà nella giornata del 4 marzo al Teatro Celebrazioni di Bologna. I vincitori annunciati sono:

  • Pinguini Tattici Nucleari, premiati con il “Ballerino Dalla 2024 alla Carriera”;
  • Daniela Pes e Calcutta, a pari merito, si aggiudicano invece il premio per la categoria “Artista”;
  • Madame vince con “Il bene e il male” nella categoria “Canzone”;
  • Dardust si aggiudica il riconoscimento nella sezione “Producer/Talent Scout”;
  • Brunori Sas con “La vita com’è” vince nella categoria “Colonna Sonora”;
  • “Dallamericaruso. Il concerto perduto” si aggiudica il premio nella categoria “Progetto”;
  • Enrico Brizzi, infine, si aggiudica il “Premio QN Il Resto del Carlino”.

Nel corso della medesima serata saranno annunciati anche i vincitori del Contest dedicato ai giovani artisti e producer emergenti. La direzione artistica della rassegna- curata da Massimo Bonelli– ha già selezionato 10 proposte per ciascuna categoria. Il costo del biglietto per partecipare a questa serata al Teatro Celebrazioni di Bologna è di 28 euro. Ma per tutte le informazioni utili vi consigliamo di consultare il sito ufficiale della rassegna.

Durante la giornata del 5 marzo prossimo, invece, sarà la Casa di Lucio ad aprire le porte agli artisti premiati. I vincitori avranno così l’opportunità di incontrarsi per discutere di musica e innovazione immersi nel magico mondo del compianto cantautore bolognese.

I nomi dei finalisti del “CIAO-Contest”: quali saranno i nuovi talenti emergenti?

Al “CIAO-Contest” di quest’anno hanno partecipato oltre 600 giovani artisti emergenti provenienti da tutta Italia. Ecco i nomi dei finalisti nelle categorie “Artista” e “Producer”:

Artista: Tina Platone, chiamamifaro, De.Stradis, Giglio, Flora, Kyoto, Il Generatore di Tensione, La musica di FORTE, Santoianni e Stella;

Producer: Elso, DrLanda & MrKite, Enzo Argirò, SEE MAW, Sons, rebtheprod, Limbrunire, Etrusko, MNNL e Gianluigi Massetti.

“Viaggi Organizzati”: i progetti della Fondazione Lucio Dalla

“Viaggi Organizzati” non è solo un omaggio all’omonimo album dell’artista bolognese di cui, quest’anno, ricorre il quarantennale. Ma è anche un vero e proprio programma di iniziative che la Fondazione promuove anche nell’ottica di condividere con la città di Bologna la narrazione della storia di Lucio Dalla.

Se la “CIAO-Rassegna” sarà dunque un momento per esplorare l’universo della musica italiana alla ricerca dell’innovazione, le altre iniziative in programma puntano a dare un senso al percorso di continuità tra la visione artistica di Dalla e il contesto in cui ha composto molti dei suoi capolavori. Ecco i progetti in programma:

  • Viaggi organizzati: nel corso di questa edizione della kermesse prenderà il via un percorso di formazione per due classi del Liceo Musicale “Lucio Dalla”. Con la collaborazione di iCompany e Pressing Line– Etichetta fondata dall’artista- gli studenti e le studentesse avranno l’opportunità di compiere un vero e proprio viaggio nelle professioni musicali;
  • Il Parco della Luna: il progetto prevede la realizzazione di una serie di laboratori didattici e creativi per i bambini e le bambine ricoverati nel Policlinico Sant’Orsola;
  • Tutta la vita: quattro incontri, a ingresso libero, attraverso i quali i cittadini di Bologna avranno l’opportunità di fare un vero e proprio viaggio tra le melodie del celebre artista. I primi tre incontri si svolgeranno nei giorni 1, 8 e 13 ottobre prossimi- con inizio alle ore 17.00– nei laboratori del DAMSLab. Il percorso si concluderà infine con l’evento conclusivo del 22 ottobre, cui parteciperà il duo formato da Andrea Campi e Tiziano Guerzoni.

Bologna in bici: il tour sostenibile per non perdersi i luoghi cult celebrati da Lucio Dalla

Citando il celebre cantautore “nel centro di Bologna non si perde neanche un bambino”. Ma il modo più semplice per visitare la città– tendendo ben presenti le limitazioni di velocità imposte dalla Zona 30– è quello di utilizzare i servizi di bike sharing. Una formula che sicuramente privilegia la mobilità dolce e sostenibile ma che consente, soprattutto, di assaporare i luoghi più caratteristici della città. Ve ne consigliamo qualcuno, tra quelli celebrati da Lucio Dalla nelle sue canzoni:

  • Piazza Maggiore: in pochi sanno che la famosa Piazza Maggiore– sede della Fontana del Nettuno– corrisponderebbe, in realtà, alla ancor più celebre “Piazza Grande” cantata da Dalla. Anche se gli esperti tendono a identificare il piazzale reso immortale dalla canzone con Piazza Cavour, luogo in cui l’artista avrebbe vissuto da giovane. In ogni caso, dalla centralissima Piazza Maggiore potrete raggiungere con qualche pedalata la Piazza Ravegnana, per ammirare le due Torri simbolo della città: la Torre degli Asinelli e la Torre Garisenda;
  • Teatro Duse: è in questo spettacolare odèon, Lucio Dalla si esibì per la prima volta con la canzone “4 marzo 1943”. Il tema scabroso del testo, unito ai versi semplici, essenziali ma estremamente diretti, nel 1970 gli costarono l’esclusione dal Festival di Sanremo. Ma gli fecero altresì guadagnare, nel cuore del pubblico, una memoria imperitura;
  • La Casa di Lucio Dalla: sita in via D’Azeglio è una delle attrazioni da non perdere mentre si visita Bologna in bici. Da qui, procedendo nel quadrilatero del centro storico, potrete ammirare le botteghe di via Caprarie e Via degli Orefici, ribattezzata anche “strada del jazz”. Un modo magico per immergersi tra tutti i frammenti della città cantati dall’artista bolognese.



Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *