Valentina Rapisarda e Andrea Cerioli pare non si siano rimasti in ottimi rapporti, lei nei mesi scorsi ha commentato il trono del suo ex lanciando una frecciatina velata.

“Non mi interessa parlare della sua scelta. Mi sembra scontata e prevedibile. Sono felice per l’altra persona: era quello che voleva! Ma per me è un capitolo chiuso”.

Da due giorni le follower della ragazza continuano a chiederle cosa pensi della scelta del Ceriolone e lei ha pubblicato una foto con un chiaro messaggio.

“Aspettate, aspettate. Nemmeno da qui si vede il ca*** che me ne frega”.

Riempita di accuse dalle fan di Andrea, Valentina ha risposto dicendo che lei è andata avanti e che anche loro dovrebbero farlo.

“La foto con quella didascalia esiste e di certo non mi privo di pubblicarla per i vostri discorsi senza senso. Andate avanti, io l’ho già fatto! Adesso fatelo anche voi! […] Non mi brucia il popò come dite, io uso cuscini morbidi”.

Quando una follower dice di non capire come i fan di Andrea possano lodarlo e adorarlo, Valentina risponde: “Nemmeno io, credimi“.

Una cosa è sicura: se Valentina Rapisarda è riuscita a dimenticare quel manzo di Cerioli e andare avanti, allora possiamo riuscirci anche noi con qualsiasi delusione d’amore.

Visualizza questo post su Instagram

Ci siamo… anche quest’ anno si sta spegnendo, ma questa volta, voglio fare una promessa a me stesso… Non voglio più avere paura di vivere a pieno quello che sento, non voglio rimpianti.  Voglio entrare in questo nuovo anno a testa alta, fiero, spalle dritte… dritto a prendermi tutta la felicità che mi si presenterà davanti, ho pagato caro sofferenze che non mi meritavo… la vita ti cambia, ho lottato tanto con me stesso più che con qualsiasi altro… Tra pochi giorni varcherò la porta di questo nuovo anno e giuro, giuro… su quel che ho di più caro, che lascerò tutto lo zaino fuori dalla porta, entrerò solo io… con il sogno di un bambino, quello di essere felice. É una promessa a me stesso. #saudade -Staff

Un post condiviso da Andrea Cerioli (@iamandreacerioli) in data:



Fonte