Le Luci d’Artista spostate in periferia lasciano al buio via Roma e via Lagrange. La necessità di restauro di alcune delle installazioni artistiche luminose, come il Planetario di Carmelo Giammello che per anni con le sue costellazioni disegnate da sottili tubi al neon aveva reso magica via Roma, ma anche la volontà della giunta Appendino di portare le luminarie nei quartieri periferici, hanno privato due delle strade più centrali di Torino delle opere d’arte che saranno inaugurate a fine mese. Un avvio decisamente difficile, quest’anno, quello delle Luci d’Artista: solo ieri gli operai sono intervenuti in via Cibrario, con grande disappunto dei residenti, per smontare le luminarie appena installate (“Noi” di Luigi Stoisa, ovvero le coppie che si baciano realizzate con neon rossi) che devono invece essere appese in via Garibaldi. 

L’ “oscuramento” senza precedenti deciso dal Comune in via Roma e via Lagrange ha fatto infuriare la Circoscrizione 1 che ha scritto una lettera all’assessora alla Cultura, Francesca Leon. Nella missiva si parla di “danno al centro città dal punto di vista turistico, commerciale, ma anche panoramico”. La maggioranza di centrosinistra che governa il quartiere centro non condivide l’idea di portare fuori le opere: “Provoca un danno che si riversa inevitabilmente su tutta la città in termini di riduzione di interesse per i turisti: pertanto il modesto beneficio che si avrebbe nel decentrare le opere viene del tutto vanificato dal danneggiamento economico e turistico”.

Oltre al Planetario quest’anno sarà necessario un intervento di manutenzione anche per le “Palle di Neve” che lo scorso anno erano in via Vanchiglia: “Le Luci d’artista sono delicate e periodicamente vanno anche rimontate – fanno sapere dall’assessorato alla Cultura – perché con il restauro delle facciate dei palazzi vengono rimossi i vecchi ganci e si devono studiare nuovi sistemi di allestimento” . Per due luci ferme ne arriverà solo una nuova: L’Albero del Pav di Piero Gilardi, allestita dentro il Parco d’arte vivente in via Giordano Bruno.  

Fonte