Sono stati annunciati i nomi dei performer dell’half time show del Super Bowl 2019: si tratta dei Maroon 5 e non solo.

Finalmente si è chiusa la telenovela riguardante i protagonisti dell’halftime show di questa edizione 2019 del Super Bowl. Dopo i tanti ‘no’ ricevuti dalla National Football League, a causa della solidarietà manifestata da molti artisti al quarterback Colin Kaepernick (e in generale alla comunità afroamericana), sono stati annunciati i nomi dei performer scelti per lo spettacolo più atteso dagli Stati Uniti d’America. Scopriamo insieme di chi si tratta.

Super Bowl, halftime show: ecco i protagonisti

Il sì già annunciato e più atteso era quello dei Maroon 5, che saranno i grandi protagonisti dello spettacolo del prossimo 3 febbraio, in diretta dal Mercedes-Benz Stadium di Atlanta. Per la band di Adam Levine sarà la prima volta come performer principali, dopo che in passato erano stati accostati allo show senza però essere mai realmente scelti.

Con loro ci saranno due altri grandi nomi del music business americano: il rapper Travis Scott e Big Boi, una delle due metà degli OutKast.

Adam Levine dei Maroon 5
Adam Levine dei Maroon 5

Super Bowl, i no all’halftime show

Secondo quanto riportato da alcune tesate americane, la trattativa si è conclusa con il sì di Travis dopo che la NFL si è impegnata a donare 500mila dollari all’associazione Dream Corps, impegnata in progetti per il sociale. Così Travis Scott in un comunicato stampa: “Sostengo chiunque prenda posizione per quello in cui crede. So che essendo un artista ho il potere d’ispirare. Quindi prima di confermare la performance al Super Bowl mi sono accertato di poter fare squadra con la NFL per questa importante donazione“.

Il rapper era stato criticato per la trattativa con la NFL dall’attivista per i diritti civili Al Sharpton, dalla star di Black Panther Michael B. Jordan e dal collega Jay-Z.

Di seguito l’halftime show del 2018 con protagonista Justin Timberlake:



Fonte