ROMA – L’Avellino non è stato ammesso al campionato di serie B. È questa la decisione presa dalla Figc dopo il parere della Covisoc. L’esclusone, però, è al momento provvisoria: il club, infatti, può ancora tentare la carta del ricorso al Collegio di Garanzia del Coni, che dovrà essere presentato entro il 27 luglio: la decisione finale è attesa per il 31.

Oltre all’Avellino, dunque, due società di serie B, Bari e Cesena, e tre di serie C, Reggiana, Andria e Mestre, che non hanno presentato ricorso, non parteciperanno al prossimo campionato. Sono state invece ammesse, in serie C, sei società il cui ricorso è stato accolto dalla Co.vi.so.c.: Matera, Lucchese, Triestina, Pistoiese, Cuneo e Monza.

TACCONE: “FAREMO RICORSO E SAREMO RIAMMESSI” – “Sono certo che l’Avellino verrà riammesso: la decisione della Covisoc è basata su un vizio di forma che verrà sanato dal ricorso che presenteremo al Collegio di garanzia del Coni”. Non si è fatta attendere la risposta del presidente dell’Avellino Walter Taccone alla decisione della Covisoc di estromettere la squadra dal prossimo campionato di Serie B.

Fonte