ROMA – La Roma blinda Nicolò Zaniolo: ufficiale il rinnovo fino al 2024 dell’esterno classe ’99, arrivato in giallorosso nell’estate scorsa e che nella sua prima stagione da professionista ha collezionato 36 presenze e 6 reti. Zaniolo guadagnerà 1,8 milioni a stagione. “E’ stato facile un anno fa scegliere la Roma, lo è ancora di più oggi dopo una stagione che mi ha permesso di innamorarmi di questa maglia e di questa città – ha detto il giocatore –  Vorrei ringraziare il club per l’opportunità che mi è stata data di legarmi con ancora più forza a questi colori: era quello che volevo”. Soddisfatto il Ceo giallorosso Guido Fienga: “Questa scelta esprime la convinzione, condivisa dal club e dal calciatore, che alla Roma Zaniolo potrà sviluppare nel modo migliore quelle potenzialità che hanno acceso l’entusiasmo dei tifosi nel corso della scorsa stagione. Siamo certi che Nicolò ricoprirà un ruolo da protagonista nel futuro della nostra squadra”.

Dzeko sempre più vicino alla permanenza

Più passano le ore e più la Roma si sta convincendo che sia meglio tenersi stretto Edin Dzeko. La decisione presa a Trigoria è molto chiara: il bosniaco non partirà, a meno che non arrivi qualcuno con un attaccante di pari livello che possa sostituirlo. L’Inter è quindi avvisata, se non si farà lo scambio con Icardi i nerazzurri possono anche dire addio al rinforzo tanto desiderato da Antonio Conte. Del resto alla richiesta dei giallorossi di venti milioni Marotta non si è mai avvicinato e questo ha finito per infastidire la dirigenza giallorossa, che dopo le brillanti prestazioni di Dzeko nel precampionato avrebbe voluto addirittura alzare il prezzo fino a 25 milioni. Negli ultimi giorni, inoltre, Fonseca ha pregato Petrachi di trattenere il bosniaco, considerato l’interprete ideale per il suo 4-2-3-1 e apparso in forma smagliante nel corso del precampionato. La punta si allena sempre con estrema professionalitá, continuando a sperare nella cessione, ma a dieci giorni giorni dall’inizio del campionato trovare un sostituto all’altezza sarebbe una missione difficilissima. Tenendosi Dzeko, Fonseca avrebbe a disposizione un attaccante già pronto e che conosce ormai alla perfezione i meccanismi dei suoi schemi, mentre Icardi non gioca una partita ufficiale da mesi e avrebbe bisogno di parecchie settimane per tornare in forma. Altro elemento che può giocare un fattore decisivo é il fatto che la tifoseria romanista, come ampiamente dimostrato nella sfida contro il Real Madrid, si è schierata apertamente con il bosniaco e sta cercando in tutti i modi di convincerlo a restare.

Lovren sempre più vicino

È vicina a una conclusione pure la telenovela sul difensore centrale. Sfumato Alderweireld, Petrachi sta stringendo per Lovren che non è stato convocato dal Liverpool per la supercoppa europea contro il Chelsea. L’offerta del ds giallorosso è di un prestito oneroso di circa due milioni con diritto di riscatto a tredici. Sembra ormai tramontata la pista che porta a Rugani, che non ha mai realmente convinto né Fonseca né la dirigenza giallorossa.

Fonte