Tensione tra gli ultrà della Lazio e la polizia si sono verificate all’esterno dello stadio Olimpico prima dell’inizio della finale di Coppa Italia con l’Atalanta. I tifosi, secondo quanto si apprende, avevano i volti travisati e – dopo aver lanciato oggetti contro le forze di polizia – hanno incendiato una macchina della polizia municipale nei pressi di Ponte Milvio. A quel punto è partita una carica di alleggerimento da parte della polizia, che ha risposto anche con gli idranti. I due agenti che erano all’interno dell’auto sono stati trasportati in ospedale, uno per intossicazione e l’altro, Ugo Esposito, dirigente del gruppo Cassia, con una ferita all’orecchio.

Coppa Italia, tensioni tra tifosi e forze dell’ordine

in riproduzione….

I due sono stati colti di spalle mentre risalivano in auto e quando è iniziato il lancio di bottiglie e oggetti si sono chiusi in auto. Poi gli ultras hanno anche lanciato dei fumogeni e l’auto della polizia municipale ha anche preso parzialmente fuoco.

Roma, finale di Coppa Italia Lazio-Atalanta: tensione tra tifosi e forze dell'ordine. Vigile ferito

Il vigile urbano ferito è che era a bordo dell’auto a cui poi i tifosi della Lazio hanno tentato di dare fuoco. L’agente era seduto in auto, con il finestrino abbassato, quando una bottiglia lanciata da un incappucciato lo ha centrato sull’orecchio. Ferita lieve. Intanto l’auto danneggiata è stata riportata nella rimessa del gruppo.



Fonte