Rimini, botte e umiliazioni alla moglie che vuole frequentare l'università: arrestato - StraNotizie

Rimini, botte e umiliazioni alla moglie che vuole frequentare l’università: arrestato


Rimini, botte e umiliazioni alla moglie che vuole frequentare l'università: arrestato

Le accuse: maltrattamenti in famiglia e lesioni private. L’uomo la colpiva anche davanti al figlio

RIMINI – Lei voleva iscriversi all’università di Bologna e integrarsi con la cultura occidentale ma il marito non era d’accordo e la picchiava, umiliandola anche in presenza del figlio minorenne. L’uomo, un 31enne del Bangladesh, è stato arrestato dalla squadra mobile di Rimini che ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip Benedetta Vitolo su richiesta del Pm Davide Ercolani.

Le

accuse sono maltrattamenti in famiglia e lesioni aggravate. Durante una lite, la donna, anche lei bengalese, è stata colpita con un piatto sulla testa e portata in ospedale. Aveva denunciato i fatti alla Polizia e si era rivolta a un’associazione che si occupa di assistenza alle vittime di violenza ed è stata collocata in una struttura protetta insieme al figlio. A quel punto il marito ha continuato nelle sue intemperanze nei confronti dei suoceri, rimasti in casa con lui.

13 febbraio 2018 – Aggiornato alle

Fonte

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Messico, 4 poliziotti arrestati: hanno venduto i 3 italiani a criminali

Messico, 4 poliziotti arrestati: hanno venduto i 3 italiani a criminali

Spara a datore di lavoro e lo uccide
 

Spara a datore di lavoro e lo uccide  

Sicilia: Baccei, basta accuse infondate per distruggere quanto fatto da noi 
 

Sicilia: Baccei, basta accuse infondate per distruggere quanto fatto da noi  

E' arrivata la bufera
 

E' arrivata la bufera  

Rabbia in chiesa contro l'ex di Jessica  
 

Rabbia in chiesa contro l'ex di Jessica  

Maltempo, in arrivo Burian. Autostrade: "Evitare spostamenti in zone a rischio"

Maltempo, in arrivo Burian. Autostrade: "Evitare spostamenti in zone a rischio"

No Comments Yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *