Dal prossimo autunno arriva il parto in ipnosi all’Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale Mauriziano di Torino, diretta da Nicoletta Biglia. “Si tratta di una metodica basata su respiro e rilassamento, che dà autocontrollo e riduce il dolore in sala parto – sottolinea l’ospedale – Può essere un’alternativa all’epidurale. In ipnosi è addirittura possibile dimezzare la durata del travaglio rispetto alla media. Alcuni studi hanno rivelato che ne beneficia anche il nascituro, perché durante il rilassamento profondo dell’ipnosi sono maggiori l’afflusso di sangue alla placenta e l’ossigenazione fetale. Insomma una tecnica per aiutare la donna a gestire il parto e il travaglio in serenità ed autonomia”.

Fonte