BENEVENTO – Tutto facile per la Nazionale di Milena Bertolini davanti ai 3500 spettatori del ‘Vigorito’. Un 6-0 senza storia alla Georgia, grazie alle reti di Sabatino (doppietta), Linari, Guagni, Girelli e Rosucci. Risultato a parte, la ct può ritenersi soddisfatta dell’approccio alla gara e dell’ottima prestazione delle sue ragazze, brave a condurre il gioco per 90′ con piglio e aggressività. Con questa vittoria, le azzurre continuano a guidare a punteggio pieno il gruppo B con 15 punti, mentre la Georgia resta ultima a 0.

Mezz’ora da urlo

Rispetto alla sfida di Palermo con la Bosnia l’unica novità è l’inserimento di Daniela Sabatino, che prende il posto di Valentina Giacinti – lasciata a casa perché non al meglio della condizione – e va ad affiancare in avanti Cristiana Girelli. Alle loro spalle, coppia centrale di centrocampo formata da Giugliano e Galli, mentre sulle fasce agiscono Cernoia e Rosucci, con Bartoli e Guagni pronte a sovrapporsi. L’Italia, alla sua prima apparizione in maglia verde, parte subito forte e al 5′ colpisce un palo con Sabatino, che non riesce a finalizzare una bella azione condotta sull’asse Giugliano-Guagni-Girelli. Cinque minuti dopo, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Linari – al suo primo gol in Nazionale – approfitta della libertà concessa e con un preciso colpo di testa porta in vantaggio le azzurre. Al 25′, poco prima della sostituzione di capitan Gama, uscita dal campo per un problema al polpaccio, l’Italia trova il raddoppio con Guagni, che sfrutta alla perfezione un assist di Sabatino battendo con un altro colpo di testa il portiere avversario. La Georgia accusa il colpo e di fatto sparisce dal campo, spalancando la strada a Girelli e Sabatino – splendido il suo secondo gol con una girata di tacco – che fissano il risultato del primo tempo sul 5-0.

Rosucci chiude i conti

Ad inizio ripresa dagli spalti si alza il coro ‘Italia, Italia’ e le azzurre continuano ad attaccare senza sosta, trovando la sesta rete con un diagonale di Rosucci, lasciata colpevolmente sola dentro l’area di rigore. Poco dopo una conclusione a giro dai 20 metri di Girelli si stampa all’incrocio dei pali a portiere battuto. Il monologo azzurro continua, così come i pericoli per la porta della Georgia, che con un pizzico di fortuna e arretrando sempre di più il proprio baricentro riesce a evitare di subire altri gol. L’Italia, avendo esaurito i cambi, finisce la partita in dieci a causa dell’infortunio di Guagni, anche lei uscita per un problema al polpaccio. Martedì le azzurre torneranno in campo a Castel di Sangro per affrontare Malta, fanalino di coda del Gruppo B insieme alla Georgia.

Bertolini: “Ottimo approccio”

“Le ragazze sono state brave – il commento di Milena Bertolini – hanno approcciato bene alla partita e fatto una bella prestazione. Abbiamo sempre cercato di giocare la palla e di fraseggiare, poi è normale che nella ripresa visto il risultato ci sia stato un po’ di rilassamento”. Unica nota stonata della serata gli infortuni di Sara Gama e Alia Guagni: “Speriamo non sia nulla di grave, ma comunque questo è un gruppo formato da 23 calciatrici tutte importanti. Martedì a Castel di Sangro ci aspetta un’altra avversaria che giocherà chiusa, sarà fondamentale l’atteggiamento e se sarà come quello di oggi non credo che avremo problemi”.
 



Fonte