“La cittadinanza onoraria a Benito Mussolini fu concessa nel 1924. In quegli anni, e successivamente, molti Comuni concessero al capo del Governo questo riconoscimento, tra i tanti anche quello del capoluogo Brescia. Non ci risulta che Brescia abbia revocato questo conferimento e, anche se diversamente da ciò che è avvenuto, l’avesse fatto, a distanza di 100 anni, Noi non riteniamo di farlo”. Il Comune di Salò, come spiega il gruppo consiliari di maggioranza ‘Progetto Salò’, spiega così la decisione di respingere la mozione che chiedeva la revoca della cittadinanza onoraria a Benito Mussolini.

Fonte