Oggi è il giorno di Vincenzo Scarantino al processo per il presunto depistaggio sulle indagini sulla strage di via D’Amelio. E in aula c’è pure Fiammetta Borsellino, la figlia minore del giudice Paolo Borsellino, parte civile nel processo. Nel dibattimento contro l’ex ispettore di polizia Fabrizio Mattei, ora in pensione, Mario Bo, ex funzionario e oggi dirigente della polizia e Michele Ribaudo, agente di polizia, che nel ’92, dopo le stragi di Capaci e via d’Amelio, fecero parte del cosiddetto gruppo investigativo “Falcone Borsellino” come stretti collaboratori di Arnaldo La Barbera, sarà sentito il falso pentito, che secondo l’accusa avrebbe subito pressioni dai tre poliziotti. I poliziotti sono accusati di calunnia aggravata dall’avere favorito Cosa nostra.

Fonte