ROMA – Calare un poker vincente sul tavolo del campionato, per alimentare l’inseguimento a un traguardo ambizioso come la Champions. E’ l’obiettivo con cui la Lazio, dopo il ko casalingo con il Celtic che ha compromesso il cammino dei biancocelesti in Europa League, si appresta a ricevere il Lecce all’Olimpico. “Ci dispiace perché abbiamo perso una partita immeritata, ma guardiamo avanti, con il Lecce per noi sarà molto importante, schiererò la compagine migliore. Veniamo dal Celtic che ci ha fatto spendere tante energie, sia fisiche che mentali e ci attende una sfida impegnativa”, il messaggio di Simone Inzaghi che cerca di scuotere i suoi uomini.

Inzaghi: “Chi critica arbitri italiani guardi in Europa…”

“Non penso che uscire dal torneo sarebbe un vantaggio – l’opinione del tecnico a proposito del cammino in Europa League – L’anno scorso, dopo aver vinto la Coppa Italia, eravamo contenti perché andavamo di diritto in Europa. La cavalcata di due anni fa la ricordo con piacere, mentre qualcuno la ricorda come l’uscita con il Salisburgo. Quest’anno purtroppo sono successi degli imprevisti, sono arrivate delle sconfitte immeritate. Non per cercare alibi ma giovedì ci è stato negato un rigore sacrosanto, avremmo potuto vincere la partita, la sconfitta è macchiata da questo errore e quando sento che qualcuno critica gli arbitri italiani vorrei che si guardasse cosa accade in Europa: la nostra classe arbitrale è la migliore, con Var o senza Var”.

“Lecce insidioso per le big, un plauso a Liverani”

Massima concentrazione però ora sulla sfida con i salentini guidati in panchina dall’ex capitano biancoceleste Liverani. “Fabio ha svolto un grande percorso, ha iniziato anche lui dalle giovanili. Ha molte idee e le ha messe in pratica, sta facendo grandi cose a Lecce e bisogna fargli i complimenti – sottolinea Inzaghi – Stanno offrendo un grande calcio e sono propositivi: tra i giallorossi ci sono pedine anche molto esperte, ma Liverani ha imposto al gruppo un grande gioco. In campionato siamo reduci da tre vittorie consecutive, domani abbiamo una grande occasione per dare continuità, ma bisogna fare attenzione perché hanno qualità e ci potranno creare problemi, come già capitato anche a Milan e Juventus. Dovremo esser molto bravi a dare continuità ai nostri risultati. Ora la Champions è la priorità? Sì, lo abbiamo detto dall’inizio che vogliamo migliorarci. Cercheremo di alzare quella benedetta asticella che deve essere fatta non soltanto di trofei, ma anche del ritorno in Champions dopo tanti anni: ci proveremo con tutte le nostre forze fino alla fine”.
 

“Giocheranno Lulic e Luis Alberto”

Spazio poi alla formazione. “Lulic e Luis Alberto giocheranno sicuramente perché l’altra sera li ho risparmiati per 60′. Gli altri dovrò valutarli e parlare con i diretti interessati perché abbiamo speso molte energie contro il Celtic. Radu e Marusic non saranno convocati per domani”, conclude il tecnico laziale, lasciando aperti gli altri dubbi di formazione. In attacco probabile il rientro di Correa al fianco di Immobile.



Fonte