(Adnkronos/Cinematografo.it) – “Nello e Rufetto sono criminali vecchio stile, di cui volevamo raccontare la quotidianità” spiega Giorgio Tirabassi, che con ‘Il grande salto’ un salto lo fa davvero, da attore a regista, senza però abbandonare il ruolo di protagonista, ricoperto insieme all’amico e collega dai tempi di ‘Distretto di Polizia’, Ricky Memphis. “È stato facile formare questo cast di amici e attori di grande calibro”, prosegue, ricordando sia Roberta Mattei, Gianfelice Imparato, Paola Tiziana Cruciani, nei ruoli dei comprimari, e i camei di Valerio Mastandrea e Marco Giallini. “L’idea nasce da una serie di racconti che interpretavo a teatro, su questo duo sgangherato” afferma l’attore e regista, nonché co-sceneggiatore del film. “Abbiamo reso il tono più realistici e meno surreale, anche se si fa riferimento a interventi del destino”. E continua: “Ho sempre pensato a Ricky per questa parte, tanto che provai a coinvolgerlo già a teatro… Con poco successo!”

Fonte