ROMA – E’ stato identificato un gene che agisce come un regolatore principale della schizofrenia durante lo sviluppo del cervello. La scoperta arriva da uno studio dell’Ospedale pediatrico di Filadelfia, negli Stati Uniti, ed è stata pubblicata sulla rivista scientifica Science Advances.

Questo lavoro è uno dei primi esempi riusciti di combinazione di approcci computazionali e modelli sperimentali basati su cellule staminali per districare reti di geni complessi nelle malattie psichiatriche. Secondo i ricercatori statunitensi, i risultati raggiunti possono gettare le basi per trattamenti futuri proprio per la lotta alla schizofrenia. Applicando un algoritmo sviluppato presso la Columbia University, il team di studio ha identificato il gene Tcf4 come un regolatore principale della schizofrenia durante lo sviluppo iniziale del cervello.

Secondo alcuni dati dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), sono circa 24 milioni le persone che nel mondo soffrono di questa patologia. In Italia, invece, sono 245 mila. Sempre secondo l’Oms, circa un terzo dei malati può riprendersi completamente, mentre un altro 30% deve continuare la terapia e comunque ha una riduzione della sfera sociale. Nel restante 30%, invece, la malattia diventa cronica.

Fonte