Franco Battiato, L’era del cinghiale bianco: a 40 anni dall’uscita, torna sul mercato in edizione speciale uno degli album più importanti nella carriera del Maestro.

Franco Battiato è tornato sul mercato con L’era del cinghiale bianco, a 40 anni dalla sua prima pubblicazione. Una grande notizia, visto che si tratta di uno degli album più importanti nella carriera del cantautore siciliano.

In questa nuova edizione speciale, oltre alle canzoni della tracklist originale in edizione rimasterizzata, sono presenti anche alcune bonus track scelte direttamente dal Maestro.

Franco Battiato, L’era del cinghiale bianco: la nuova edizione

La ristampa dell’album è uscita il 19 luglio 2019 in formato digipack e in vinile. L’edizione rimasterizzata contiene in totale 16 tracce, comprese alcune demo inedite de Il re del mondo, Stranizza d’amuri e Le strade dell’est, più alcune versioni dal vivo de Il re del mondo, Stranizza d’amuri, Strade dell’est e L’era del cinghiale bianco nei teatri di Baghdad, Genova, Padova e Milano.

Per promuovere questa ristampa, torna in radio anche L’era del cinghiale bianco. Insomma, un grande regalo per tutti i suoi fan che da tempo aspettano di poter riascoltare la sua voce, specialmente dopo le notizie che lo davano alle prese con problemi di salute. In occasione del suo compleanno, Battiato si era comunque affrettato a tranquillizzare tutti con una nota stampa.

Riascoltiamo L’era del cinghiale bianco:

L’era del cinghiale bianco: l’album della svolta

L’era del cinghiale bianco, uscito nel settembre del 1979, è uno dei dischi più rappresentativi della carriera di Battiato. Dopo gli anni di sperimentazioni nel decennio Settanta, il cantautore si tuffava verso gli anni Ottanta con una svolta pop che gli aprì le strade della classifica.

In effetti, L’era del cinghiale bianco non arrivò mai in classifica, ma con gli anni la title track è diventata una delle canzoni più amate del suo repertorio, al pari dei classici degli anni successivi.

Franco Battiato
FONTE FOTO: https://www.facebook.com/francobattiato/

FONTE FOTO: https://www.facebook.com/francobattiato/



Fonte