Francis Lai, tra i più celebri compositori nella storia del cinema, si è spento a Parigi all’età di 86 anni.

Lutto nel mondo della musica e del cinema: si è spento il 7 novembre 2018 a Parigi, all’età di 86 anni, il compositore Francis Lai. Tra i più grandi autori di temi musicali per film, riuscì ad arrivare al meritato Oscar per la miglior colonna sonora nel 1970 con il tema del cult movie Love Story. Fu l’autore nel 1966 di un’altra celebre colonna sonora, quella del film Un uomo, una donna.

È morto Francis Lai

La notizia del decesso del celebre musicista nizzardo è stato data dal Comune di Nizza, sua città natale, e dal sindaco Christian Estrosi. Tra i più grandi compositori di temi per film, insieme al premio Oscar italiano Ennio Morricone, Lai è divenuto famoso per i temi di Un uomo, una donna, di Love Story ma anche di La bicicletta. 

Lai si cimentò comunque nel corso della propria carriera anche con con composizioni per la musica da radio, scrivendo partiture per due regine della chanson come Edith Piaf e Juliette Greco.

Francis Lai
Fonte foto:
https://www.facebook.com/pg/FrancisLaiOfficiel/photos

Francis Lai: la carriera del compositore francese

Nato a Nizza il 26 aprile del 1932, Francis Lai era figlio di un emigrante italiano originario di Ozieri, in provincia di Sassari. A vent’anni, il giovane Lai si trasferì a Parigi e iniziò ad avvicinarsi al mondo della musica capitolina. Fu l’incontro con il regista Claude Lelouch a cambiargli la vita. Il celebre regista gli affidò infatti la composizione della colonna sonora di Un uomo, una donna. Mai scelta fu più giusta. Il film fu un successo clamoroso, raggiunse due Oscar e lanciò definitivamente la carriera del compositore nizzardo.

Pochi anni dopo, nel 1970, Lai creò la colonna sonora di Love Story, un capolavoro che gli permise di aggiudicarsi il suo unico premio Oscar in carriera e di scrivere per sempre il suo nome nella storia.

Nel video il tema principale del cult firmato Arthur Hiller:

FONTE FOTO: https://www.facebook.com/pg/FrancisLaiOfficiel/photos



Fonte