RIAD (Arabia Saudita) – C’è la firma di Stephane Peterhansel sulla nona tappa della 42esima Dakar in corso di svolgimento in Arabia Saudita, da Wadi Al Dawasir ad Haradh di 886 km (410 km di prova speciale cronometrata). Il recordman di vittorie nel celebre rally raid, al suo terzo successo parziale in questa edizione alla guida della X-Raid Mini, ha preceduto di soli 15″ il campione uscente, il qatariano Nasser Al-Attiyah (Toyota Hilux), mentre la terza piazza è andata al padrone di casa Yasir Seaidan (Race).

Sainz si piazza 6°: Al-Attiyah minaccia il suo primato

I due battistrada hanno guidato ad un ritmo più veloce rispetto a tutti i loro rivali e hanno guadagnato terreno sul leader della corsa, lo spagnolo Carlos Sainz. Il madrileno del X-Raid Mini, infatti, è giunto solo sesto e con un ritardo di 6’31” a causa di una foratura nel primo terzo di gara. Riprendendo poi un ritmo simile a quello dei primi due, ha limitato i danni, ma al momento il suo vantaggio in classifica generale su Al-Attiyah è di soli 24″, mentre “Monsieur Dakar” Peterhansel è terzo a 6’38”. Fernando Alonso, oggi nono all’arrivo a 13’03” dal francese, occupa la decima posizione ma con un ritardo di oltre tre ore.

Moto: vince Quintanilla, Brabec saldo al comando

Tra le due ruote vittoria di tappa per Pablo Quintanilla. Il cileno, in sella alla Husqvarna, ha preceduto di 1’54” l’australiano Toby Price (KTM), vincitore lo scorso anno. Terzo al traguardo lo spagnolo della Honda Joan Barreda Bort, staccato di 2’42”. Quarto posto per il leader della corsa, lo statunitense Ricky Brabec, arrivato a 3’55” dal primo, sul quale in classifica generale mantiene un vantaggio di 20’53”. Sul terzo gradino del podio Price a 26’43”. Mercoledì la decima frazione porterà i concorrenti nel Rub? al-Kh?l?, ossia “Il quarto vuoto”, il secondo più grande deserto di sabbia del mondo che occupa la parte più meridionale della Penisola araba.



Fonte