Ozzy Osbourne, le canzoni più belle della sua carriera solista: da Crazy Train a Miracle Man.

Non ci sono molti artisti che sono riusciti a cavalcare le sfide lanciate del rock: possiamo citare Ronnie James Dio, Dave Grohl e, naturalmente, il Principe delle Tenebre, Ozzy Osbourne. Quando i Black Sabbath hanno licenziato il loro cantante nel 1979, non tutti si sarebbero aspettati una carriera solista fatta di successo.

Ozzy era un disastro ma, sotto la guida di Sharon Arden, poi diventata prima suo manager e poi sua moglie, è riuscito a superare il successo della sua ex band, diventando una superstar globale come artista solista.

Parte di ciò era dovuto alla sua personalità smisurata, parte agli eccessi fomentati dai tabloid. Ecco, dunque, alcune delle migliori canzoni della carriera solista di questo eclettico e oscuro artista.

Ozzy Osbourne: le canzoni più amate


Ozzy Osbourne
Ozzy Osbourne

Partiamo da Crazy Train (Blizzard of Oz, 1980): il brano con un introduzione indimenticabile che ha un riff iniziale che subito riscalda l’atmosfera.

Ecco il video di Crazy Train:

Ozzy ha sempre avuto il modo di lanciare i suoi versi, affinché le melodie mordessero forte e l’intera canzone fosse solo una raffica esageratamente contagiosa passaggi che si fondevano a un sentimento anti-guerra fredda che suona ancora tristemente rilevante oggi. Un vero classico, in sostanza.

Procediamo con S.A.T.O (Diary of a Madman, 1981): questo brano non è stato probabilmente apprezzato come doveva dal pubblico. Non è stato lodato come canzoni quali Over The Mountain o Flying High Again dello stesso album, ma – in questo canzone – il satanico Ozzy, è assolutamente perfetto.

Ecco il video di S.A.T.O:

C’è una corporatura atmosferica lenta, poi entra in azione il riff di guida e questa canzone inizia a farsi strada nel tuo cervello. Non c’è bisogno di un grande ritornello quando anche le linee della melodia dei versi sono perfette. Il testo è enigmatico, l’assolo è buono e si incastona nella lista dei momenti più brillanti di Randy Rhoades: la canzone rimane un gioiello trascurato e sottovalutato.

No More Tears (No More Tears, 1991): anche se Ozzy ha costantemente lavorato con musicisti di alto livello, i loro talenti sono stati generalmente utilizzati per aggiungere una sorta di effetti pirotecnici a canzoni strutturalmente piuttosto semplici.

Ecco il video di No More Tears:

No More Tears era una composizione più ambiziosa. La linea di basso immediatamente riconoscibile bolle sotto un alone crescente di sintetizzatori puliti e linee di chitarra mentre Zakk Wylde scuote le sue radici col suo tocco di chitarra.

Ci sono ancora riff di metallo e parole che – a quanto sembra – riguardano un serial killer, ma il brano resta più stratificato e riflessivo.

Ozzy Osbourne: Mr. Crowley e Miracle Man

Continuamo con Mr. Crowley (Blizzard of Ozz, 1980): dall’introduzione piena di organi del tastierista Don Airey a quel primo “Misssster Crowley” ti aggancia e ti avvolge le dita viscide intorno al cuore.

Ecco il video di Mr. Crowley:

Ispirato all’occultista inglese Aleister Crowley, non è la traccia più veloce o più pesante a cui Ozzy abbia posto la firma, ma è una delle più potenti, con una serie insidiosa di assoli di Randy Rhoads – il cui finale viene spesso considerato come uno dei migliori di tutti i tempi.

Terminiamo con Miracle Man (No Rest For The Wicked, 1988): questa canzone contiene l’introduzione del chitarrista Wylde e rappresenta uno dei momenti più trionfali di Ozzy che prendeva di mira il televangelista Jimmy Swaggart.

Ecco il video di Miracle Man:

Il predicatore aveva precedentemente fatto una campagna contro l’ex leader dei Black Sabbath e altri esponenti del rock, prima di essere coinvolto in scandali sessuali con prostitute.



Fonte