Cristiano Godano, Mi ero perso il cuore: la data di uscita e la tracklist del primo album da solista del leader dei Marlene Kuntz.

Cristiano Godano è pronto alla sua prima grande esperienza da solista. Il suo primo album è in arrivo il prossimo giugno. S’intitola Mi ero perso il cuore ed sarà anticipato da un primo singolo estratto il prossimo 29 maggio.

Scopriamo tutti i dettagli su questo lavoro del cantautore piemontese, leader dei Marlene Kuntz.

Cristiano Godano, Mi ero perso il cuore: la data di uscita

Il primo album di Godano è in arrivo il prossimo 26 giugno. Lo ha annunciato su Facebook lo stesso artista con un lungo messaggio in cui spiega:

Ho riflettuto molto su cosa fare in tutto questo tempo, e a un certo punto, riportandomi con la memoria ai giorni più brutti del Covid (non che ora sia tutto roseo…), ho ricordato quanta empatia ricevevo da voi coi miei post a volte smarriti, a volte fragili, sempre coraggiosi nel non tacere il sentimento della paura e della vulnerabilità. E percepivo un forte desiderio da parte di tutti voi di poesia e bellezza, per rifugiarvisi e tentare di uscirne“.

Da queste riflessioni è arrivata la spinta a pubblicare il suo primo disco, contenente canzoni solitarie che potrebbero essere uno specchio in cui i suo i fan potrebbero riconoscersi.

Di seguito il post integrale:

Cristiano Godano presenta il primo album solista

Già alcuni mesi fa il leader dei Marlene Kuntz aveva presentato alcuni dettagli sul suo album solista, affermando: “Ci ho iniziato a lavorare due anni fa, con calma. In primavera, in accordo coi tempi e i programmi dei Marlene, ho fatto le registrazini. In questa pausa estiva forzata ci ho rimesso testa e ora ho definitivamente chiarito a me stesso che ne sono molto fiero“.

A distanza di un anno il cantautore piemontese è dunque pronto a far ascoltare ai propri fan la sua musica da solista. Il countdown è iniziato.


Cristiano Godano
FONTE FOTO: https://www.facebook.com/cristianogodanoofficial/

FONTE FOTO: https://www.facebook.com/cristianogodanoofficial/



Fonte