ROMA – Campionati nazionali, Champions ed Europa League in estate. E’ questa l’ultima tentazione della Uefa, disposta a far terminare le competizioni entro la fine di agosto, pur di scongiurare il rischio che la stagione non venga completata. Il massimo organismo calcistico europeo pare si sia convinto a prendere in considerazione tale scenario, da sottoporre a federazioni, Eca, European Leagues e Fifpro nelle frequenti riunioni in teleconferenza che stanno caratterizzando queste giornate. Oggi se ne è svolta una informale della Lega Serie A e domani è in programma un nuovo appuntamento fra il presidente della Figc, Gabriele Gravina, e i vertici delle leghe per valutare le misure anti-crisi da chiedere al Governo.

Si valutano due soluzioni

Secondo quanto si apprende, a livello europeo si stanno valutando due soluzioni. La prima sequenziale, in cui si dà priorità alla conclusione dei campionati nazionali, terminati i quali si giocherebbero gli ultimi turni delle coppe europee. La seconda, invece, prevederebbe di portare avanti in parallelo i campionati, la Champions e l’Europa League. Prolungare le competizioni fino ad agosto comporterebbe la proroga di due mesi dei contratti in scadenza, lo slittamento in avanti della finestra estiva di mercato e avrebbe serie ripercussioni anche sull’inizio della stagione successiva. La realtà, però, è che l’emergenza coronavirus sta spazzando via tutte le certezze e al momento capire quando si potrà tornare in campo resta un’incognita.



Fonte