Una serie di regole per chi vuole recarsi in chiesa, in linea con le disposizioni generali sulla mobilità dei cittadini legate all’emergenza coronavirus. E’ quanto ha disposto una nota della Direzione centrale degli Affari dei Culti del ministero dell’Interno, inviata alle Prefetture, frutto della interlocuzione tra la Segreteria generale della Cei, la presidenza del Consiglio e lo stesso ministero dell’Interno, al quale proprio la Segreteria Cei aveva a più riprese rappresentato la posizione della Chiesa e il disagio di molti fedeli, che si sono visti limitare la possibilità di recarsi a pregare. A darne conto è la Sir, l’agenzia di informazione della Conferenza episcopale italiana.

Fonte