“Non abbiamo bisogno di Torri d’Avorio nel calcio”. Lo afferma il presidente dell’European Leagues, Lars-Christer Olsson criticando la volontà di formare un mondo o un’atmosfera dove rinchiudersi in attività slegate dal resto del mondo, in questo caso del calcio. “Il 2019 è stato un anno pieno di discussioni sul futuro delle competizioni professionistiche per club, in Europa e altrove. L’ultimo contributo è stato l’istituzione di un’associazione mondiale di club e l’idea di costruire una lega privata mondiale. Ci stiamo stancando di tutte le minacce che provengono da alcuni ricchi club di calcio. Minacce che possono far esplodere l’ecosistema calcistico come lo conosciamo e creare il proprio ambiente privato”, ha aggiunto Olsson criticando duramente le proposte avanzate in questi mesi come la Super Champions.

Fonte