MONACO DI BAVIERA – Colpo del Real Madrid in casa del Bayern Monaco. Nella 25esima sfida europea tra bavaresi e spagnoli, i Blancos espugnano 2-1 l’Allianz Arena: Kimmich illude i tedeschi, ma Marcelo e Asensio firmano la rimonta vincente. Ora la squadra di Zidane è vicinissima alla terza finale consecutiva in Champions, per i campioni di Germania servirà un’impresa martedì prossimo al Bernabeu.

SUBITO OUT ROBBEN – Heynckes se la gioca all’attacco: dentro contemporaneamente Robben, Muller, l’ex James Rodriguez, Ribery e Lewandowski, non recupera Alaba, al suo posto Rafinha preferito a Bernat. Zidane è invece più prudente lasciando in panchina Benzema per Lucas Vazquez, torna dalla squalifica Sergio Ramos, assente nell’1-3 di Real-Juve. Passano 25 secondi e il Bayern è subito all’attacco: Lewandowski vince un rimpallo con Carvajal, ma il cross è troppo lungo per Ribery che si trovava in un buona posizione e pronto a rompere il digiuno in Champions che dura da 3 anni. Dopo 6 minuti la gara perde uno dei protagonisti: Robben infatti è costretto al cambio, al suo posto entra Thiago Alcantara.

KIMMICH BEFFA NAVAS – I bavaresi giocano meglio e poco prima della mezzora trovano il meritato vantaggio: James Rodriguez lancia sulla destra Kimmich, Navas si posizione male (convinto del cross del terzino tedesco) che invece ne approfitta per battere il portiere costaricano e segnare il terzo gol personale nella competizione. L’inerzia però cambierà presto e un segnale negativo per i tedeschi arrivano da un altro infortunio: ad alzare bandiera bianca è per un problema all’inguine Boateng, sostituito dal gigante Sule, per la preoccupazione anche del ct della Germania, Joachim Loew, presente sugli spalti. Ribery ha una clamorosa occasione al 41′ ma sbaglia incredibilmente lo stop davanti a Navas. E allora arriva la punizione: poco prima dell’intervallo cross dalla destra di Carvajal, Ronaldo prepara l’ennesima sforbiciata ma capisce che la palla è troppo lunga e allora lascia a Marcelo che con una perfetta demi volèe di sinistro trova l’angolino che supera Ulreich.

ASENSIO ENTRA E SEGNA – Nella ripresa Zidane boccia Isco e fa entrare subito Asensio. E’ la mossa vincente perché Rafinha sbaglia un facile passaggio a centrocampo, scatta il contropiede letale dei Blancos con lo stesso Asensio, servito da Lucas Vazquez, che trafigge il vice di Neuer. Allianz Arena incredula, anche perché successivamente Navas si riscatta dalla papera della rete di Kimmich murando due volte Ribery, un’autentica furia sulla sinistra. L’ingresso di Benzema per l’acciaccato Carvajal (a Zidane non manca il coraggio) ridà nuova linfa al Real che proprio col francese va a un passo dal tris: ci mette il piede Ulreich. Lewandowski, smarcato bene da Tolisso, manca il 2-2 nel finale e così per la sesta gara consecutiva a vincere sono le merengues (stesso risultato dello scorso anno). Cristiano Ronaldo e compagni hanno ora un piede in finale, Kiev è più vicina, ma il Bayern farà di tutto per rimontare, magari copiando la partita della Juventus a Madrid. Appuntamento martedì prossimo al Bernabeu.

BAYERN MONACO (4-1-4-1): Ulreich 6; Kimmich 7, Boateng 6 (34’pt Sule 6), Hummels 6.5, Rafinha 4.5; Javi Martinez 6 (30’st Tolisso 6); Robben sv (8’pt Thiago Alcantara 6), Muller 5,5, James Rodriguez 6.5, Ribery 6,5; Lewandowski 5. In panchina: Starke, Wagner, Bernat, Rudy Allenatore: Heynckes.
REAL MADRID (4-3-3): Keylor Navas 5,5; Carvajal 5,5 (22’st Benzema 6), Varane 6.5, Ramos 6,5, Marcelo 7; Modric 6, Casemiro 6,5 (38’st Kovacic sv), Kroos 6; Lucas Vazquez 6.5, Ronaldo 6, Isco 5.5 (1’st Asensio 7,5). In panchina: Casilla, Vallejo, Bale, Theo Hernandez. Allenatore: Zidane.
ARBITRO: Kuipers.
RETI: Kimmich AL 28′, Marcelo al 45′ e Asensio al 55′.
AMMONITI: Ribery, Casemiro e Thiago Alcantara.
ANGOLI: 9-3 per il Bayern Monaco.
RECUPERO: 2′ e 4′

Fonte