In una partita già segnata da polemiche per l’arbitraggio, Bakayoko e Kessié mettono benzina sul fuoco con un gesto che è diventato un caso. Quella maglia di Francesco Acerbi mostrata sotto la propria curva alla fine di Milan-Lazio non sta mancando di suscitare polemiche. Il primo a intervenire è stato proprio il difensore biancoceleste che sui social scrive: “Sono dispiaciuto perché ho scambiato la maglia per mettere fine alla questione, fomentare odio non è sport ma un segno di debolezza“. In molti si schierano con Acerbi (“Caro Francesco da tifoso Milanista mi sono sentito mortificato”, si legge ad esempio in uno dei messaggi di risposta), ma non manca chi lo accusa di essersela cercata.

Fonte